Il Progetto

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
light bulb of gears and cogs concept on red background

Il progetto MOVI-MENTI nasce dal basso e dalla stretta collaborazione tra Fondazioni di comunità, cooperative sociali e consorzi di cooperative di riferimento dei rispettivi territori. MOVI-MENTI coinvolge territori marginali, lontani dai grandi centri urbani dove tendono a concentrarsi le capacità progettuali e di conseguenza le risorse.

L’obiettivo generale del progetto è mettere in condizione i minori, in particolare quelli in situazione di svantaggio socio-economico, di fare esperienze educative attivanti e motivanti migliorando le loro capacità cognitive e relazionali con conseguente impatto positivo sull’esperienza scolastica e diminuzione del rischio di abbandono e devianza. La comunità educante sviluppa una “cultura dell’infanzia” con la partecipazione di scuola, servizi, famiglie, terzo settore, cittadini.

MOVI-MENTI frutto di un lavoro collegiale, prevede attività laboratoriali e scambi tra regioni ed è stato incentrato sul problem solving collaborativo e sull’apprendimento cooperativo. Il progetto offre la possibilità di lavorare insieme, all’interno di questa cornice, a enti educativi e organizzazioni culturali, ricreative e sportive. Le attività previste sono molteplici e inerenti alle competenze dell’approccio STEAM e alle opportunità sportive.

Cos’è lapproccio STEAM

Le attività e i laboratori che si declinano nei territori sono sviluppate in ambito STEAM. E’ un approccio fondamentale per lo sviluppo di competenze trasversali e flessibilità di pensiero. Il metodo STEAM (Science, Technology, Arts, Engineering and Mathematics) è un approccio integrato alle discipline tecnico-scientifiche che richiede di mettere in relazione il sapere e il saper fare, il progettare e il realizzare, i problemi teorici e pratici.

Il progetto promuove iniziative integrate e innovative in ambito scientifico, artistico e sportivo, dentro e fuori la scuola, in orario scolastico ed extra-scolastico, per una presa in carico globale del minore, mettendo a valore le risorse dei territori.

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza su questo sito. Continuando a utilizzare questo sito accetti l’utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni.